Fotovoltaico

Lo Studio Collarini è in grado di trasformare qualsiasi progetto fotovoltaico in realtà, grazie all’esperienza maturata a partire dall’entrata in vigore dal 1° Conto Energia in Italia, con i Decreti interministeriali del 28/07/2005 e del 06/02/2006, che hanno introdotto i primi sistemi di finanziamento in conto esercizio della produzione elettrica.

In particolare lo Studio Collarini si occupa di:

ASSISTENZA SU IMPIANTI DI NUOVA INSTALLAZIONE
Progettazione e ottimizzazione impianti, studi di fattibilità, perizie e due diligence, audit energetici.

ASSISTENZA SU IMPIANTI ESISTENTI ED IN ESERCIZIO
Corretto adempimento e aggiornamento scadenze amministrative e fiscali

OFFICINA ELETTRICA

 

Assistenza su impianti di nuova installazione

Lo Studio Collarini opera in qualità di:
ufficio tecnico:

  • verifica del corretto dimensionamento e configurazione di impianto, in autoproduzione, di sola produzione, del tipo misto, con e senza i dispositivi di accumulo;individuazione di eventuali criticità interne con interventi di efficientamento energetico;
  • verifica dei margini di miglioramento dei costi di approvvigionamento da rete;
  • richiesta di offerte ed esame dei piani economici;
  • verifica delle proposte procacciate in autonomia dal Cliente;
  • cura e predisposizione della procedura di confronto competitivo tra i singoli fornitori ed installatori;
  • richiesta di asseverazione dei rendimenti energetici da parte dei fornitori e/o del garante;
  • confronto tra investimento da effettuarsi direttamente con le formule del noleggio operativo, o formula mista (es. solo batterie di accumulo a noleggio);
  • confronto tra investimento da effettuarsi direttamente con le formule di contratto di EPC (Energy Performance Contract) con un soggetto E.S.Co. (Energy Service Company), con un Fondo Comune di Investimento, o altro;
  • verifica della disponibilità di incentivi statali e/o regionali, della eventuale cumulabilità con i benefici fiscali, supporto alla scelta della migliore soluzione a seconda del regime fiscale del Cliente;
  • consulenza per la predisposizione dei contratti di fornitura;
  • consulenza per l’installazione di impianto, sino al collaudo;
  • consulenza su tutti gli adempimenti, necessari a seguito dell’entrata in esercizio dell’impianto;
  • compilazione delle dichiarazioni e invio telematico;
  • compilazione e conservazione dei registri di produzione;
  • emissione delle fatture attive del produttore per la vendita dell’energia elettrica e download delle fatture passive GSE;
  • alert nel caso si presentino aggiornamenti normativi che richiedono nuovi adempimenti e/o pratiche amministrative riguardanti gli impianti fotovoltaici.

 

“Controller Super Partes”

  • SELEZIONARE I FORNITORI E GLI OPERATORI che, a parità di affidabilità e responsabilità, garantiscano il rientro dell’investimento nel minor tempo possibile, selezionando la tecnologia ed il layout di impianto maggiormente performante.

Assistenza su impianti esistenti ed in esercizio

L’elenco degli adempimenti burocratici e delle scadenze per l’anno 2018 alle quali tutti i proprietari di impianti fotovoltaici devono attenersi nei confronti dell’agenzia delle dogane, del GSE (Gestore dei servizi energetici) e del gestore di rete, per quanto codificato, spesso si presenta come una serie di incombenze particolarmente onerosa in termini di tempo e risorse.
Il mancato o non corretto adempimento, può comportare sanzioni amministrative più o meno gravose da parte dei vari Enti. Per alcune tipologie di pratiche, il GSE, ha la facoltà di sospendere l’erogazione dell’incentivo fino all’avvenuto adeguamento.
Per il proprietario di un impianto fotovoltaico avere un partner in una figura professionale capace di adempiere in maniera puntuale a queste scadenze diventa sempre più importante. Per questo lo Studio Collarini con il nuovo team O&M ha previsto il potenziamento della figura dell’Admin Management.
Lo Studio Collarini offre ai piccoli e grandi produttori di energia, assistenza agli adempimenti delle pratiche burocratiche e un servizio di monitoraggio e aggiornamento relativo agli adeguamenti tecnici e normativi.
Di seguito sono elencati i principali assolvimenti annuali o periodici per il fotovoltaico.

 

Agenzia delle Dogane (UTF) per impianti con potenza superiore a 20 kW

  • Diritto di Licenza di esercizio – AGENZIA DELLE DOGANE
  • Vidimazione dei Registri di produzione – AGENZIA DELLE DOGANE
  • Dichiarazione di consumo e produzione di energia – AGENZIA DELLE DOGANE

 

GSE – Gestore dei Servizi Energetici

  • Dichiarazione di consumo e produzione di energia
  • Fuel-mix – GSE
  • I soggetti che NON operano in regime di “scambio sul posto” devono comunicare al G.S.E. la quantità di energia elettrica prodotta nell’anno precedente, ripartita tra fonti rinnovabili (fotovoltaico, eolico, biomasse, etc…) e non.

 

ARERA (ex AEEG e ex AEEGSI) – che dal 1° gennaio 2018 si chiama (Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente)

  • Iscrizione all’anagrafica operatori – AREARA ex AEEG (**)
  • Indagine annuale / gestione soci – ARERA
  • Invio della dichiarazione Unbundling (solo i soggetti obbligati all’iscrizione all’anagrafica operatori) –ARERA
  • Contributo per funzionamento dell’autorità – ARERA
    (**) Gli unici soggetti esonerati dall’iscrizione all’Anagrafica operatori sono quelli che, ai sensi della delibera 43/2012/A del 25 ottobre 2012, presentano tutte le seguenti caratteristiche:

    • svolgono l’attività di produzione di energia elettrica con impianti di potenza nominale complessiva inferiore o uguale a 100 kW;
    • non sono gestori, anche disgiunti, di componenti del servizio idrico integrato;
    • non svolgono alcuna delle altre attività di cui all’articolo 2, dell’Allegato A alla deliberan. 143/07;
    • sono già registrati presso Terna sul sistema Gaudì.

 

GSE – PRATICA ANTIMAFIA

  • Il GSE ha l’obbligo di acquisire la documentazione antimafia per tutti gli Operatori che ricevono incentivi per un importo superiore a € 150.000, calcolato per l’intera durata del periodo incentivante.
  •  La validità della certificazione antimafia è pari a 12 mesi qualora durante tale periodo non si verifichino variazioni nell’assetto societario o nella gestione dei legali rappresentanti.
  • La validità della certificazione può essere inferiore a 12 mesi in caso di variazioni societarie tali da comportare l’obbligo di rinnovo della certificazione antimafia tramite la suddetta procedura a portale online.

 

ADEMPIMENTI PLURIENNALI:

  • Taratura dei gruppi di misura – Enti certificatori
  • Rinnovo firma digitale rilasciata – AGENZIA DELLE DOGANE
  • Taratura delle Protezioni di interfaccia
  • Verifica periodica dell’impianto di terra ai sensi del DPR del 22.10.2001 nr. 462 – ORGANISMI ABILITATI

 

Le scadenze, le pubblicazioni e gli invii telematici possono variare a seconda della grandezza dell’impianto fotovoltaico, del suo utilizzo e della sua dislocazione, di seguito una tabella riassuntiva valida per il 2018.

Pubblicazione da parte del GSE sul proprio portale della certificazione ex art.4, co.6-ter DPR 322/1998 degli incentivi erogati e delle relative ritenute effettuate.
Tutti i soggetti responsabili di impianti fotovoltaici di potenza superiore a 20 kWp dovranno presentare in via telematica la dichiarazione annuale di produzione e consumo
di energia elettrica nell’anno 2017 all’Agenzia delle Dogane (UTF) – mod. AD-1. Tutti i soggetti responsabili di impianti fotovoltaici di potenza superiore a 20 kWp, che non operano in regime di “Scambio Sul Posto”, Cip 6/92 o incentivanti con il Quinto Conto Energia con potenza fino a 1.000 kW, dovranno comunicare al GSE la quantità di energia elettrica prodotta nell’anno precedente, ripartita tra fonti energetiche – pratica Fuel Mix.
Invio telematico dei dati di produzione all’Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente (ARERA e non più AEEG) per proprietari e gestori di impianti con potenza superiore a 100 kWp, titolari di partita IVA).
Fatturazione e pagamento del contributo di funzionamento ARERA (per impianti con potenza superiore ai 100 kWp).
Invio ad ARERA dichiarazione di avvenuto pagamento indicando il soggetto che ha eseguito il versamento, la misura e la data di versamento, la base imponibile per la liquidazione del contributo.
Rimborso della cd. Tremonti Ambiente per impianti appartenenti ai 3/4/5 Conto Energia che abbiano goduto di tale beneficio fiscale.
Pagamento del diritto di licenza per il 2019 all’Agenzia delle Dogane tramite modello F24 accise (per impianti potenza superiore ai 20 kWp definiti come officina elettrica).
  • Entro 90 giorni dall’approvazione del bilancio, adempimenti in materia di separazione contabile
  • Aggiornamento sul portale GSE di documentazione Antimafia a seguito di eventuali modifiche societarie (p.e. soci, ragione sociale etc)
  • Aggiornamento sul portale di ARERA a seguito di eventuali modifiche societarie (p.e. soci, ragione sociale etc)

 

 

 

Officina Elettrica

 

L’officina elettrica è collegata al tema dell’imposta erariale di consumo “Accisa” che viene applicata al momento del consumo dell’energia elettrica prodotta per uso proprio.

PREMESSA
Tutti gli impianti fotovoltaici superiori a 20 kW devono aver ottenuto dall’Agenzia delle Dogane territorialmente competente la LICENZA DI ESERCIZIO(*) (ovvero il CODICE DITTA). Alcuni di questi impianti hanno poi l’obbligo di presentare anche la DENUNCIA DI OFFICINA ELETTRICA.
(*) NOTA: La Dichiarazione annuale di consumo è obbligatoria per tutti gli impianti fotovoltaici di POTENZA superiore ai 20 kW anche senza il regime di officina elettrica.

DEFINIZIONE OFFICINA ELETTRICA
Un impianto di produzione di energia elettrica da fonte rinnovabile (Esempio fotovoltaico) con potenza di picco superiore ai 20 kW con un autoconsumo > dell’1% è considerato una OFFICINA ELETTRICA detta anche officina di produzione di energia elettrica.

OBBLIGHI A CARICO DEL PROPRIETARIO DI OFFICINA ELETTRICA
Tali impianti devono:

  • Denunciare l’apertura di Officina Elettrica presso l’ufficio dell’Agenzia delle Dogane del territorio competente ed ottenere la licenza di esercizio per officina di produzione con cessione dell’energia elettrica eccedente;
  • pagare annualmente all’Agenzia delle dogane del territori competente il diritto di licenza;
  • compilare il registro di produzione, registrando giornalmente la lettura dei contatori (in alcune zone è possibile anche su base settimanale o mensile);
  • pagare le Accise sull’energia autoconsumata;
  • comunicare entro la data di 30 giorni eventuali variazioni societarie;
  • presentare la Dichiarazione annuale di consumo(*) sul sito dell’agenzia delle Dogane
    (*) NOTA: La Dichiarazione annuale di consumo è obbligatoria per tutti gli impianti fotovoltaici di POTENZA superiore ai 20 kW anche senza il regime di officina elettrica.

IMPIANTI FOTOVOLTAICI NON SOTTOPOSTI ALL’OBBLIGO DI DENUNCIA DI OFFICINA ELETTRICA

  • impianto di qualsiasi potenza di picco, con immissione in rete di tutta l’energia prodotta, senza autoconsumo (se non autoconsumo energia allora non è applicata l’Accisa);
  • impianto con potenza inferiore ai 20 Kwp con autoconsumo, ma sottoposto all’obbligo di registrazione presso l’Ufficio delle Dogane del territorio competente.

IMPIANTI FOTOVOLTAICI SOTTOPOSTI ALL’OBBLIGO DI DENUNCIA DI OFFICINA ELETTRICA

  • impianto di potenza superiore ai 20 KW di potenza che immette l’energia in rete e l’autoconsumo. (le Accise vengono pagate per la sola quota di energia autoconsumata, calcolata per differenza tra energia prodotta e energia immessa in rete.)

 

 

Verifica prestazionale

 

Supporto alla individuazione della migliore soluzione nel O&M, revamping e repowering

Gli impianti fotovoltaici che godono del Conto Energia, quindi durante il periodo di incentivazione, possono essere tenuti in massima efficienza possibile per una produzione ottimale, sia mediante interventi di manutenzione ordinaria atta a prevenire la minore produzione dovuta dall’incuria che tramite interventi di riparazione e/o con la sostituzione di componenti come moduli, inverter, contatori o altri minori, a causa del degrado dei componenti che lo costituiscono, oppure mediante interventi di ammodernamento optando al cambio della configurazione e/o di componentistica
maggiormente evoluta e quindi, maggiormente performante.
Il GSE è tenuto a verificare la permanenza dei requisiti per il mantenimento degli incentivi, inclusi eventuali premi o maggiorazioni, per tutto il periodo di incentivazione, anche a seguito della realizzazione di interventi di manutenzione o di ammodernamento.
Per quelli ritenuti più significativi che comportano per esempio la variazione di dati caratteristici rilevanti o di configurazione dell’impianto (sostituzione dei componenti principali, moduli e inverter), è necessario inviare al GSE, una apposita comunicazione insieme ai documenti idonei a descrivere i lavori effettuati, secondo i termini e quanto previsto dalle procedure.
Per quelli meno significativi come la sostituzione dei componenti elettrici minori e che non incidono sul mantenimento degli incentivi, il Soggetto Responsabile non è tenuto a inviare alcuna comunicazione al GSE.
Il D.M. 23 giugno 2016 prevede inoltre che i Soggetti Responsabili di impianti di potenza pari o inferiore a 3 kW siano esonerati dall’obbligo di comunicazione dell’avvenuta realizzazione degli interventi diversi dai potenziamenti non incentivati, dall’installazione di Sistemi di accumulo e dalla sostituzione dei moduli fotovoltaici. In questo caso, a prescindere dall’obbligo di comunicazione, è necessario che gli interventi siano realizzati in conformità alle previsioni dei Decreti di Conto Energia, dei principi della regolazione vigente e di quanto indicato nelle Procedure pubblicate dal GSE.

Dopo la realizzazione di qualsiasi intervento di manutenzione e ammodernamento, a prescindere dall’obbligo di invio della documentazione al GSE, è opportuno che il Soggetto Responsabile dell’impianto conservi la documentazione per dimostrare la natura e l’estensione degli interventi realizzati (registri di manutenzione, certificazioni componenti, schemi elettrici, autorizzazioni, fotografie dell’impianto prima della realizzazione dell’intervento). Questa permetterà al GSE, in sede di verifica, di valutare la sussistenza o la permanenza dei requisiti per il riconoscimento o il mantenimento degli incentivi.

 

Lo Studio Collarini si occupa di tutte le possibili fasi:

  • verifica del grado di deterioramento dei componenti, provvedendo direttamente oppure, qualora richiesto anche in collaborazione con l’addetto alla manutenzione;
  • supporto alla cernita dei componenti e dei fornitori, contattati direttamente dal Cliente oppure dall’addetto alla manutenzione;
  • espletamento di tutte le comunicazioni da inviare al GSE per l’ammodernamento tecnologico e la manutenzione (revamping), quali cambio di componenti come moduli, inverter, contatori o altri minori;
  • supporto per le comunicazioni al GSE per il potenziamento (repowering);

 

Gli impianti fotovoltaici che godono del Conto Energia possono essere così tenuti in massima efficienza possibile per una produzione ottimale.
Oppure possono essere applicate variazioni rilevanti di configurazione dovute alle nuove condizioni subentrate.

A tal riguardo il GSE ha emanato le procedure da eseguire ed ha previsto la documentazione che dovrà essere trasmessa.
Le comunicazioni dovranno essere complete dei rispettivi allegati, in base al tipo di intervento, ad esempio:

  • comunicazione di avvenuta realizzazione dell’intervento secondo il modello stabilito;
  • disegno planimetrico as built ;
  • schema elettrico dell’impianto fotovoltaico as built ;
  • relazione illustrativa dell’intervento;
  • elaborati grafici di dettaglio;
  • fotografie di prima e dopo l’intervento.

 

Contratto di “Advice Service Alliance”
Per tutti i clienti che hanno attivato il Contratto di “Advice Service Alliance” , lo staff dello Studio Collarini penserà a redigere e conseguentemente inviare tutte le pratiche ai rispettivi Enti di riferimento.
Se invece non siete ancora clienti dello Studio Collarini, vi invitiamo a contattarci per richiedere un consulto gratuito e valutare insieme eventuali soluzioni su misura per rimanere sempre aggiornati sulle varie scadenze ed evitare di ricevere inutili e costose sanzioni.